2013_C_fbmfasedue_cop

FBM, II fase

Progetto per il recupero di un edificio esistente e per la realizzazione di un nuovo complesso termale

Concorso, 2013 QB Atelier

PROGETTO FINALISTA

“Sappiate, dunque, che non c’è nulla di più elevato, di più forte, di più sano e di più utile nella vita che un bel ricordo, specialmente se è un ricordo dell’infanzia, della casa paterna… Se un uomo riesce a raccogliere molti di questi ricordi per portarli con sè nella vita, egli è salvo per sempre. E anche se uno solo di questi ricordi rimane con noi, nel nostro cuore, anche quello solo può essere un giorno la nostra salvezza”

Fedor Dostoevskij, I fratelli Karamazov

Il progetto, sviluppato per la seconda fase del conorso FBM, costruisce un nuovo centro termale all’interno di un edificio esistente, mantenendone solo la facciata come memoria storica e ambientale. All’interno un nuovo sistema di spazi complessi e articolati raccolgono il programma richiesto dal bando. Luce ed ombra diventano materia di progetto e costruiscono diversi livelli di intimità.2013_C_fbmfasedue_02

2013_C_fbmfasedue_01

Sono ambienti ricchi di poesia, spazi che raccontano la loro storia, testimoni di ricordi ed esperienze vissute. Questa è l’identità del luogo. Le superfici decorate che ancora si intravedono e quelle parti di intonaco che a singhiozzi lasciano emergere il laterizio, di diverse grandezze e fatture, diventano oggi elementi che permettono la lettura delle evoluzioni che l’edificio ha metabolizzato durante gli anni. È questa ricchezza e complessità che vogliamo mantenere attraverso il progetto. Il progetto nasce dalla comprensione e dalla rilettura di quell’intima parte dell’edificio. Intimità che diventa obiettivo e struttura del progetto. L’accostamento di più epoche costruttive, l’utilizzo di differenti tecniche e materiali tra loro coerenti ci suggerisce il mantenimento di una continuità architettonica capace di accostare nuovo e antico in un continuo confronto tra le parti, donando all’insieme un forte valore percettivo. Lo spazio, la materia, la luce divengono gli ingredienti che, declinati in vari modi, definiscono il progetto.